Gentile lettore,

è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto 141 2016 che modifica il Dlgs 102/2014 sull’efficienza energetica . Resta inteso che contrariamente a quanto erroneamente sostenuto da alcuni organi di stampa non vi è nessuna proroga per l’obbligo di contabilizzazione dei sistemi centralizzati nei condomini.

Le relative sanzioni per la mancata installazione sono ora ulteriormente trasferite a carico del singolo proprietario dell’unità abitativa e non più dell’impresa di fornitura del servizio di un contatore individuale: Il proprietario dell’unità immobiliare che non installa, entro il termine ivi previsto, la contabilizzazione diretta (contatermie per impianti a zone) o indiretta (ripartitori elettronici sui radiatori) è soggetto ad una sanzione amministrativa da 500 a 2500 euro per ciascuna unità immobiliare. termostatica-e-ripartitore

La sanzione non si applica quando risulta da una relazione tecnica di un progettista o di un tecnico abilitato che l’installazione non è tecnicamente possibile, oppure non sia conveniente in termini di costi rispetto ai risparmi energetici che si dovrebbero conseguire.

Alcuni esempi: impianti radianti di vecchia generazione, impianti a colonne montanti con distribuzione che impedisce la fattibilità tecnica e funzionale.

Viene ulteriormente ribadito che la contabilizzazione deve riguardare anche la climatizzazione estiva e la produzione di acqua calda sanitaria se centralizzata, ma è opportuno ricordare che a livello di centrale termica il decreto sui requisiti minimi richiede di contabilizzare anche l’acqua di reintegro.

Saluti

Dr. Marco Mangione