La ricerca perdite sugli impianti di riscaldamento si effettua in maniera differente a seconda che l’impianto sia centralizzato oppure autonomo e che si basi su principi di riscaldamento a convezione (termosifoni o con termoconvettori) o radianti (a battiscopa, a parete o pavimento).

Quale stumentazione si impiega?

La ricerca perdite negli impianti di riscaldamento utilizza perlopiù il metodo ad infrarossi.
Nel caso in cui il metodo ad infrarossi non fosse in grado di determinare i punti di perdita, è possibile utilizzare il sistema acustico o gas tracciante.
Tutti gli elementi con una temperatura al di sopra dello zero assoluto emettono calore. Anche oggetti che hanno una temperatura molto bassa ne emettono.
Con una termocamera a infrarossi è possibile rilevare a distanza l’energia infrarossa di un elemento.  Il calore rilevato dalla termocamera può essere quantificato con estrema precisione, permettendo di identificare e valutare in tempo reale l’entità di problemi di natura termica.

Quali sono le Fasi operative?

  • si effettua preliminarmente  una prova di tenuta dell’impianto di riscaldamento utilizzando un manometro digitale, cercando di sezionare l’impianto affinché la prova venga effettuata solo sulle tubazioni escludendo la caldaia.
  • Si procede poi all’analisi termografica che permetterà di individuare il corretto tracciato dell’impianto di riscaldamento fino ad individuare il punto di perdita.
  • Stabilita l’entità della perdita, si procederà o con la riparazione con metodi tradizionali (demolizione) oppure con metodi autosigillanti non distruttivi che, immessi nel circuito di riscaldamento e reagendo con l’aria, provvederanno a chiudere le fessurazioni.

Quali sono i vantaggi ?

  • Identificazione precisa di tutti i punti di perdita
  • Limitazione degli interventi di smantellamento e demolizione
  • Tempi di intervento rapidi
  • Abbattimento del disagio di fermo impianto per la ricerca perdite e per la successiva riparazione nel caso di utilizzo di prodotti sigillanti

Finalità dell’intervento

  • Mappatura degli impianti di riscaldamento
  • Localizzazione dei punti di perdita negli impianti di riscaldamento

NOTE TECNICHE UTILI

  • L’indagine termografica fornisce valori qualitativi (immagini) e quantitativi (livello di temperatura).
  • E’ puntuale e globale (puo’ essere utilizzata per valutare porzioni di impianto, o l’impianto nel suo insieme).
  • E’ passiva: non emette nulla, ma riceve delle informazioni.
  • Non interrompe il processo oggetto di indagine.

PER SAPERNE DI PIU’

  • Le modalità di effettuazione delle indagini termografiche sono differenti a seconda del tipo di indagine da effettuare e devono tendere a mettere in evidenza l’adeguato gradiente termico (differenza di temperatura) tra l’oggetto e il contesto. Questo è il motivo per cui spesso la termografia ha tempi di intervento molto stretti o in ore del giorno particolari per evitare l’influenza del calore del sole sui dati da rilevare.
  • Un’altra tecnologia utilizzata nella ricerca perdite negli impianti termici è il metodo acustico (geofono) oppure il Gas tracciante (insufflando la miscela di gas all’interno delle tubazioni).

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *