Con il termine valvola termostatica o termovalvola si intende il complesso di due componenti:

1. una valvola termostatizzabile, elemento idraulico costituito da una valvola da installare al posto della normale valvola di chiusura manuale del radiatore, su cui è applicato un elemento di azionamento della valvola a pistoncino. Esso modula l’apertura dell’otturatore e regola il flusso di acqua nel radiatore.

2. un comando termostatico, costituito da una manopola graduata per impostare la temperatura desiderata nel locale e un bulbo sensibile alla temperatura ambiente che aumenta il proprio volume con l’aumentare della temperatura ed aumenta la pressione sull’elemento di azionamento.

Principio di funzionamento comando termostatico

Il dispositivo di comando della valvola termostatica è un regolatore proporzionale di temperatura, costituito da un soffietto contenente uno specifico liquido termostatico. All’aumentare della temperatura, il liquido aumenta di volume e provoca la dilatazione del soffietto.

Con la diminuzione della temperatura si verifica il processo inverso; il soffietto si contrae per effetto della spinta della molla di contrasto. I movimenti assiali dell’elemento sensibile vengono trasmessi all’attuatore della valvola tramite l’asta di collegamento, regolando così il flusso del fluido nel corpo scaldante.

Il sensore della temperatura dei comandi termostatici non deve essere installato in  nicchie, cassonetti, dietro tendaggi e non deve essere esposto direttamente ai raggi solari che ne falserebbero le rilevazioni.

 

Per maggiori informazioni visita il nostro sito sull’ efficienza energetica