Il processo di invecchiamento di un impianto di riscaldamento
Quando in un circuito idraulico, realizzato in tubi di acciaio, viene introdotta l’acqua, inizia il processo di ossidazione delle pareti e la formazione di ossidi metallici.

L’ossidazione è provocata dall’ossigeno contenuto nell’acqua.
Gli ossidi cosi formati, si staccano dalle pareti dei tubi per effetto delle turbolenze dell’acqua di circolazione e si accumulano nelle tubazioni creando perdite di carico più o meno accentuate in funzione della loro quantità. L’asportazione di questi sedimenti dal circuito idraulico risulta molto difficoltosa per l’elevato peso specifico dei sedimenti stessi ( circa 7,5 Kg/Litro)

Con il passare degli anni, l’ossidazione delle tubazioni ha prodotto i fanghi che sono stati rimossi con l’operazione di pulizia. Non bisogna però dimenticare che anche lo spessore dei tubi si è notevolmente ridotto, predisponendo l’impianto a perdite e rotture.

L’importanza del sopralluogo
Il sopralluogo viene richiesto prima della stesura dell’offerta.
L’accurata acquisizione dei dati essenziali quali, la consistenza dell’immobile, il tipo di caldaia , di riscaldamento e degli elementi radianti, i problemi lamentati e le modifiche apportate all’impiantistica, risultano essere elemento indispensabile per la valutazione delle modalità di intervento e l’esatto posizionamento nel grafico.

Le analisi effettuate durante il sopralluogo sono:

  • indagini termografiche
  • indagini microbiologiche della qualità dell’acqua

L’intervento
L’intervento è fattibile su tutti gli impianti a vaso aperto o chiuso, sia con impianti in funzione che spenti: in quest’ultimo caso devono funzionare le pompe di circolazione La durata del trattamento può variare da 3 a 6 settimane.Durante le fasi del risanamento, l’impianto viene monitorato per verificare e risolvere tutte le problematiche inerenti alla cattiva circolazione Alla fine del trattamento l’impianto viene svuotato e sciacquato

La protezione e la conservazione dell’impianto con il service di mantenimento
Con il passare degli anni, l’ossidazione delle tubazioni ha prodotto i fanghi che sono stati rimossi con l’operazione di pulizia. Non bisogna però dimenticare che anche lo spessore dei tubi si è notevolmente ridotto, predisponendo l’impianto a perdite e rotture.

Risulta percio’ importantissimo proteggere e conservare un bene cosi’ PREZIOSO.

Con il service di mantenimento viene inserito nel circuito un liquido che , mantenuto nella giusta concentrazione, crea una pellicola che protegge l’impianto dalla corrosione interna.
Il service comprende dei controlli periodici ed eventuali rabbocchi per il mantenimento della giusta dose di liquido protettivo, in questo modo l’impianto viene tenuto costantemente protetto e controllato.

I vantaggi del service

  • Scambio termico ottimale
  • Riduzione degli interventi manutentivi
  • Prolungamento della vita dell’impianto
  • Sensibile risparmio nei consumi

 

Leggi anche:

Fasi della procedura di risanamento di un impianto

Per maggiori informazioni visita il nostro sito sull’efficienza energetica